Vespismo Italiano vol. II n. 1

7,00

COD: VI21 Categoria:

Descrizione

Il volume II di Vespismo Italiano racconta al lettore le grandi manifestazioni vespistiche a livello agonistico come il “Giro dei Tre Mari” e la “1000 km”, disputate tra l’inizio degli anni Cinquanta e il 1970, seppur con alcune pause per vari motivi. Le due competizioni, soprattutto nel primo decennio seguente la fine della seconda guerra mondiale, hanno rappresentato uno straordinario strumento di propaganda e di diffusione di Vespa, la prima nel Meridione d’Italia, l’altra prima al nord e poi nelle regioni del sud. La 1000 km, tra il 1951 e il 1954, è stata una sorta di “Mille miglia” vespistica, essendo nata sul modello della leggendaria corsa automobilistica, con la quale condivideva la presenza di Renzo Castagneto quale Direttore di corsa.

Il Giro dei Tre Mari, tra il 1953 e il 1965, ha portato centinaia di Vespa sulle strade del sud della penisola, incoraggiando le popolazioni di Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia alla motorizzazione leggera tramite l’utilizzo dello scooter, il mezzo di locomozione più alla portata delle tasche, non ancora ricche, degli italiani.

La corsa ha vissuto momenti di autentico delirio al passaggio dei concorrenti nei paesini e nei borghi del Meridione, laddove al massimo, negli anni precedenti, era stato possibile assistere a una corsa ciclistica: il ronzio delle Vespa, soprattutto per i più giovani, rappresentò una finestra aperta sul futuro e fece sì che le vendite del veicolo toccassero vette significative.